concentrati di cannabis

Che sia per ottenere un "high" più potente, per comodità di spostamento e conservazione della cannabis o semplicemente per curiosità, il concentrato di cannabis è una pratica molto comune che è stata perfezionata nel corso degli anni.

Al giorno d'oggi esiste un'ampia varietà di concentrati di cannabis. Questo perché il modo in cui la concentriamo gioca un ruolo fondamentale ed è quello che decide il prodotto finale che otteniamo.

Ma prima di iniziare con le varietà e le particolarità di ciascun estratto, partiamo dalle basi...

Cosa si estrae dalla pianta di cannabis?

In un concentrato, l'obiettivo è sempre quello di estrarre solo gli elementi psicoattivi della cannabis, ovvero cannabinoidi, terpeni e tricomi.

tricomi di cannabis
Tricomi di cannabis

Elementi psicoattivi della cannabis

  • CANNABINOIDI

I cannabinoidi sono composti chimici che agiscono sul corpo umano e sul cervello. È stato possibile isolare 113 diversi cannabinoidi dalla pianta di marijuana. I più importanti e conosciuti sono il THC, responsabile dell'"high" o "sballo" della pianta, e il CBD, responsabile dell'"high" o "sballo" della pianta. I numerosi benefici della cannabis per la salute. La composizione di cannabinoidi di una pianta determina in larga misura il profilo di una pianta.

  • TERPENOS

Composti organici che hanno un forte odore e si trovano all'interno delle piante e persino... degli insetti! Nella cannabis sono stati trovati più di 120 terpeni, responsabili di aromatizzare la pianta e di potenziarne e modificarne gli effetti psicoattivi. Un concentrato ideale dovrebbe isolare e conservare i cannabinoidi e i terpeni della pianta.

  • TRICOMAS

I già citati cannabinoidi e terpeni della cannabis sono prodotti all'interno dei tricomi. Probabilmente avete visto quella "lanugine" bianca e lucida sulle cime della pianta, non è vero? Questa "lanugine" è costituita dai tricomi e sono i colpevoli che rendono una pianta matura e fiorita appiccicosa al tatto, grazie alla resina che contengono e che rilasciano quando vengono maneggiati.

Sebbene tutti i concentrati consistano nel separare i tricomi dai fiori, concentrando così i cannabinoidi e i terpeni, ci sono molti, molti modi per farlo e i risultati variano notevolmente. Per cominciare, potremmo dire che i concentrati di cannabis si dividono in due gruppi principali:

  • Concentrati: accumulo di terpeni che non utilizza alcun tipo di solvente.
  • Estratti: un tipo di concentrato ottenuto da un solvente (alcol, anidride carbonica, ecc.).
concentrati di cannabis
Concentrati di cannabis

Alcuni esempi di CONCENTRATI sono "kief"che si ottiene setacciando la pianta a secco".hashish".re delle pressioni, che è fondamentalmente kief pressato".ICE".estrazione con ghiaccio e acqua e "Rosin", I tricomi vengono estratti mediante pressione e calore e sono caratterizzati da un forte effetto psicoattivo.

Va notato che nell'ambiente della cannabis, a differenza di quanto avviene nelle lezioni di chimica, l'acqua non è considerata un solvente ed è per questo che l'ICE è considerato un concentrato e non un estratto.

Per quanto riguarda gli estratti, esempi famosi sono lo shatter, la cera, il crumble e la resina viva, tra gli altri. Questi vengono prodotti utilizzando un solvente esterno per separare gli elementi psicoattivi dalla cannabis, e il modo in cui vengono trattati, essiccati e condensati influenzerà notevolmente il prodotto finale, anche se utilizziamo la stessa materia prima e lo stesso metodo di estrazione.

Come potete vedere, i concentrati di cannabis sono molti e offrono una gamma di colori, forme, consistenze e sapori completamente diversi tra loro. Sappiamo che le opzioni sono molte e che così tante informazioni possono essere schiaccianti, perciò se siete a BarcellonaVi suggeriamo di rivolgervi alla vostra associazione di fiducia per la cannabis, ad esempio CUBO BCNe provateli voi stessi!

Lascia un commento

it_IT